Quali funzioni legano i minerali alla vitamina D e alla salute delle ossa?

La salute ossea è uno dei pilastri fondamentali su cui poggia il benessere generale del corpo umano. E, nella complessa sinfonia dei diversi elementi che concorrono alla loro formazione e al
loro regolare mantenimento, vitamina D, calcio e fosforo emergono come partecipanti dal ruolo importante. Comprendere il loro rapporto diventa quindi un primo passo importante per poi mettere in pratica qualche buona abitudine alimentare (e non) che veda coinvolti proprio questi tre nutrienti chiave.

Integratore
Vitamina D3 IBSA

L’Integratore Vitamina D3 IBSA contribuisce al buon funzionamento del sistema immunitario e alla salute delle ossa, permettendo il corretto assorbimento del calcio.

integratore vitamina d3 ibsa

A cosa serve il calcio?

Partiamo dal calcio, minerale essenziale per il corpo umano perché coinvolto in una vasta gamma di funzioni fisiologiche. Oltre al suo ruolo primario nel mantenimento di ossa e denti normali – nel nostro organismo è concentrato infatti soprattutto nel tessuto osseo – il calcio è coinvolto nella normale trasmissione degli impulsi nervosi e nelle normali contrazione muscolare e coagulazione del sangue.

Il fabbisogno medio di calcio – al netto del fatto che esso varia in basa a età, sesso e condizioni generali di salute – è pari a circa 800 mg per un adulto, nei bambini 500-900 mg fino a 1.000-1.100 mg per gli adolescenti, negli anziani e nelle donne durante la gravidanza 1.000 mg. Se, tendenzialmente, una significativa carenza di calcio può rimanere asintomatica sul breve periodo, a lungo andare potrebbe avere conseguenze significative, tra cui le più note sono sicuramente l’osteoporosi e generale fragilità ossea, a sua volta principale causa dell’aumentato
rischio di fratture.

Il ruolo della vitamina D nell’organismo

La vitamina D è ha un ruolo chiave nel metabolismo del calcio, contribuisce infatti al suo normale assorbimento e ai normali livelli di calcio nel sangue. Inoltre, la vitamina D contribuisce al normale funzionamento del sistema immunitario.

Qual è la principale fonte di vitamina D per il corpo? Si trova in natura ed è il sole. Infatti, ben l’80% del suo apporto è garantito dall’esposizione ai raggi UVB, mentre il restante 20% è assicurato, generalmente, dalla dieta (pesce azzurro, carni rosse, fegato e tuorlo d’uovo, per esempio). L’assunzione raccomandata di vitamina D per la popolazione italiana adulta è di 15 μg al giorno, sia per i maschi che per le femmine, da aumentare a 20 μg negli anziani.

Il rapporto tra calcio e fosforo e vitamina D

Dopo questa breve panoramica su vitamina D, calcio e fosforo forse è diventato più chiaro che il loro rapporto è interconnesso e importante per la salute ossea. La vitamina D partecipa al normale assorbimento del calcio nel tratto digestivo e a regolare i normali livelli di calcio e fosforo nel sangue.

Una dieta con le giuste quantità di calcio e fosforo

Mantenere un adeguato apporto di vitamina D, calcio e fosforo attraverso una dieta equilibrata contribuisce al benessere delle ossa. Integrare con alimenti ricchi di questi nutrienti e assicurarsi di ottenere abbastanza vitamina D con una regolare esposizione al sole può aiutare a supportare la prevenzione di problemi ossei e promuovere il benessere generale. Cosa portare quindi in tavola? Alcuni degli alimenti migliori per ottenere calcio includono latte, formaggio e yogurt, ma anche verdure come cavolo nero, broccoli, mandorle e alici. Per quanto riguarda i cibi ricchi di fosforo, abbiamo la carne, il pesce, le uova, i semi e le noci.

Articoli correlati

A cosa serve la Vitamina D?Cosa succede in caso di carenza? Quali sono le fonti di Vitamina D?
Qui troverai risposte alle tue domande sulla Vitamina D e sulla sua importanza per il benessere di tutto l’organismo.

ORDINA ORA